Crema Avène Eau Thermale 50+spf.

Per trascuratezza dimenticavo spesso e volentieri di usare una buona protezione per il viso “anche dopo aver fatto la cera per i baffetti” , magari non sono stata attenta e ho usato qualche farmaco o sostanza che con esposizione solare facilita la comparsa di “macchie” o discromie sta di fatto che ho deciso in prima fase di consultare un dermatologo, cosa che ritengo essenziale poiché è l’unica figura idonea a fare una chiara diagnosi, anche per meglio comprendere quanto sono radicate e capire quale è il modo più giusto per intervenire.
Mi ha confermato che le cause scatenanti oltre che ambientali posso essere tra le altre cose di natura genetica ma anche dovute a cattive abitudini (per esempio il fumo piuttosto che a una scorretta alimentazione)
Il colore della cute è determinato sopratutto dal cosiddetto “pigmento melanico” e nella maggior parte dei casi le discromie si formano proprio a causa di una alterata distribuzione della sostanza, che va a generare alterazioni di colore o più scuro (ipermelanosi) o più chiaro (ipercromie) rispetto a quello della cute.
Di solito le consulenze tendono giustamente a cercare di individuare la causa scatenante e/o impostare un comportamento correttivo delle abitudini (per esempio usare una adeguata protezione solare alta..nei mesi invernali UVA tutto l’anno ed UVA-UVB nei mesi estivi). Magari evitare, nei limiti del possibile, alcuni tipi di terapie…(Io nello specifico dietro autorizzazione medica smisi quelle di tipo ormonale) comunque atte a porre le basi per evitare la comparsa di nuove macchie o per lo meno evitare di accentuare quelle già presenti.
Ci sono tantissime possibilità di cui possiamo fruire per risolvere o quantomeno ridurre il problema per esempio la crioterapia, la diatermocoagulazione a radiofrequenza, il laser, il peeling chimico, la luce pulsata… Un buon punto di partenza o di mantenimento rimane l’uso di creme apposite sia quelle che garantiscono la protezione solare (modulando la scelta su prodotti che abbiano migliori caratteristiche magari con proprietà antiossidanti e resistenti all’acqua) sia quelle con proprietà de-pigmentanti, che vanno comunque usate con costanza….Più una dose di buona volontà..Ma soprattutto senza scoraggiarsi se non arrivano subito risultati evidenti…
Ho provato diversi prodotti per tentare di contrastare il problema e chiudo questo articolo parlandovi della crema che ho utilizzato(e uso tutt’oggi) come protezione solare, la crema Avène Eau Thermale 50+spf.
Si presenta in un tubetto semirigido arancione da 50 ml di prodotto con un comodissimo applicatore e lo si trova anche nella versione Fragrance Free, è resistente all’acqua e garantisce la protezione UVB-UVA. Ha un assorbimento rapido e non lascia l’effetto unto nella pelle che risulta anzi bene idratata talaltro priva di “grumetti” bianchi. Non contiene parabeni. Lascio la foto del prodotto sotto l’articolo e anche di qualche miniatura che sto per aggiungere all’ampolla….. Che ricordo una volta piena, costituirà il primo give away per ringraziarvi della fiducia 🙂 spero abbiate trovato utile e interessante questo post..Seguitemi anche su Instagram 🙂
A presto !

Annunci

Pubblicato da

Diario e recensioni di una vita un po' incasinata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...