Olio di cocco usi e benefici.

Salve amici,

per la serie rimedi naturali oggi voglio parlarvi dell’ olio di cocco dai molteplici usi e benefici, ovviamente precisando che le seguenti sono informazioni di natura generale a scopo puramente divulgativo e non possono in alcun modo sostituire il consiglio di un medico o di personale professionalmente qualificato.

L’olio di cocco è ampiamente utilizzato nei paesi tropicali come India, Sri Lanka, Thailandia, Filippine che ne producono in grosse quantità.

Si ricava dalla polpa essiccata della noce di cocco, nonostante le sue innumerevoli proprietà siano note e abbiano superato anche vere e proprie campagne denigratorie (sostenuta da aziende produttrici di oli di soia e oli di mais che lo additavano come dannoso per via della presenza di grassi saturi) grazie a studi di settore (nella banca dati medico-scientifica MEDLINE ne sono presenti più di 1500) che lo hanno pienamente riabilitato. Le più recenti ricerche statistiche ci dicono che in paesi a forte consumo di questo prodotto come Sri Lanka e isola di Tokelau, la popolazione presenta tra i più bassi tassi nella incidenza di cardiopatie.

Parliamo dei grassi saturi presenti :

acido laurico (fondamentale al nostro organismo per produrre monogliceridi anti-microbici utilizzati per combattere virus e batteri patogeni), caprico (potente agente antimicrobico, il monocaprino), caprilico (potente antifungino tanto da essere uno dei rimedi più potenti contro l’infezione da candida), palmitico, miristico, linoleico, oleico. Inoltre sono presenti alcuni micronutrienti quali le vitamine K, A, D, E e K fondamentali per l’essere umano e che necessitano di un ambiente adeguato per essere assorbite. L’olio di cocco migliora quindi la salute di ossa, denti, capelli, pelle e umore e sistema immunitario, tenete presente che nell’uso alimentare l’apporto calorico è veramente alto stiamo comunque parlando di un grasso. 100g di olio di cocco corrispondono a circa 862 Kcl, va quindi utilizzato con moderazione e non può essere il sostituto di una corretta ed equilibrata dieta.

Ad oggi è un prodotto ancora poco utilizzato e forse non completamente apprezzato. Contrariamente alla sua definizione di olio, si presenta in forma solida, piuttosto simile alla consistenza del burro, si fonde quando raggiunge la temperature di 24°/25°, non va conservato in frigo a meno che non preferite mantenerlo allo stato  solido.

Non spaventatevi assolutamente nel vedere cambiamenti di consistenza (liquida o solida) poichè questi dipendono esclusivamente dalla temperatura, senza influire su proprietà e qualità del prodotto.

Io me lo porto spesso dietro proprio perchè si presta a mille usi, permettendo di risparmiare spazio nella mia borsona di Mary Poppins, per esempio quando è solido ne metto qualche noce in una piccola confezione, quando invece è liquido lo metto dentro un comunissimo piccolo porta profumo con spruzzino.

Occorre invece prestare attenzione a non far finire quantità di acqua all’interno del contenitore (per esempio siete al mare e lo prelevate con le mani bagnate) perchè potrebbe causare l’ insorgere di muffe; preoccupatevi invece se cambia profumo o colore. Comunque qualsiasi olio decidiate di acquistare badate bene nella confezione all’indicazione PAO (Period After Opening – periodo dall’apertura).

Sono due i principali tipi di olio da corpo facilmente reperibili in commercio:

-olio di cocco puro (o vergine). Non viene raffinato, non ha subito alcun intervento di tipo artificiale, mantiene inalterato profumo e sapore del cocco, così come il contenuto di antiossidanti ed altre proprietà.

-olio di cocco raffinato. Quest’ultimo è ricavato dalla polpa della noce essiccata e trattata con determinati procedimenti industriali, ossia una serie lavorazioni meccaniche e chimiche in conseguenza delle quali perde colore e odore nonchè alcune componenti come le proteine. Restano salvi gli acidi grassi (quindi non perde le proprietà antivirali). Sappiamo che l’olio di cocco può essere utilizzato sia come ingrediente (quindi a uso interno) che per scopi cosmetici o comunque per uso esterno.

Benefici da uso interno.

Rafforza il sistema immunitario aiutando l’organismo a difendersi dagli agenti nocivi esterni, è stato inoltre dimostrato avere proprietà antinfiammatorie, analgesiche e riduce la febbre.

Aiuta e sostiene l’apparato cardiovascolare. La presenza di acidi grassi a catena infatti rappresenta una protezione dallo scatenarsi di patologie, per esempio quelle di tipo degenerativo, migliorando i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna, previene inoltre danni alle arterie.

Aiuta l’intestino e migliora la digestione, nutre i batteri positivi limitando la proliferazione di quelli patogeni, inoltre aumenta la produzione di insulina con una conseguente maggior tollerabilità del glucosio, diminuendo così il rischio di sviluppare diabete.

Aiuta la salute di denti e bocca. Poiché l’olio di cocco facilita l’assorbimento del calcio da parte dell’organismo aiuta a sviluppare denti forti (in quanto lo contengono). Utile anche nel bloccare la carie. Recenti ricerche suggeriscono che l’olio di cocco riduce la formazione della placca, sbianca i denti e cura la gengivite.

Aiuta le performance del cervello. E’ dimostrato che ne basta un cucchiaio per ottimizzare le performance cognitive in tempi brevi, senza dover aspettare mesi. Questo è dovuto ai corpi chetonici degli acidi grassi a catena media che migliorano i processi metabolici nel cervello.

E’ consigliabile comunque utilizzare un olio puro e vergine e rivolgersi a un mercato assolutamente biologico per essere certi di avere un prodotto “integro” e quindi realmente efficace.

Può essere usato inoltre per cucinare a elevate temperature e fare fritture poiché contiene prevalentemente grassi saturi a catena media che non si ossidano. E’ ottimo come condimento a crudo.

Nel mercato della cosmetica l’olio di cocco negli ultimi anni ha registrato una vera e propria impennata grazie ai suoi benefici su pelle e capelli.

Vediamoli nello specifico.

Benefici da uso esterno.

Pelle:  su viso e corpo ha effetti idratanti, antirughe, antinvecchiamento, inoltre è componente di prodotti specifici per il trattamento di eczemi, dermatiti e anche della psoriasi. Nutre la cute in profondità evitandone la disidratazione, lenisce screpolature ed eventuali infiammazioni, scottature e disturbi. Utilissimo come doposole, in tal caso occorre applicare abbondantemente sulla pelle arrossata per beneficiare di una potente azione idro-restituente e antiinfiammatoria.

Capelli: è un ottimo disciplinante, aiuta a riparare il fusto e a ridare corpo se sono fragili e/o secchi. Ottimo alleato contro la forfora io personalmente lo utilizzo sui capelli asciutti applicando una noce di prodotto nelle lunghezze e sulle punte, poi massaggio e spalmo bene, infine lascio in posa a mo’ di impacco prima di fare lo shampoo (anche per diverse ore). Ovviamente riesco a farlo solo quando so di non dover uscire poi lavo tranquillamente con shampoo. Totalmente biologico per non vanificarne gli effetti e posso garantirvi che all’asciugatura i risultati, quanto a lucentezza e idratazione sono evidenti! Ho scoperto essere un vero e proprio toccasana per i capelli, ridonando il giusto apporto proteico inoltre ristruttura il fusto danneggiato e sfibrato. Adatto anche per proteggere i capelli prima dell’esposizione al sole.

Vediamo ora alcune ricette utili.

Olio per i neonati: come alternativa alla crema idratante, durante il cambio pannolino potete utilizzare una piccola noce di olio di cocco per evitare le irritazioni.

Oil pulling: mettere in bocca 2 cucchiai di olio di cocco ed effettuare alcuni sciacqui come faresti con un collutorio per almeno 5 minuti cercando di far arrivare l’olio tra i denti e in tutti gli angoli della bocca.  Questa pratica viene consigliata appena svegli prima della colazione oppure può essere anche utilizzato come sostituto del dentifricio magari aggiungendo anche una piccola quantità di bicarbonato per aumentare il potere sbiancante (ovviamente l’utilizzo del bicarbonato non può essere una pratica costante e giornaliera).

Una piccola noce unita all’olio di lavanda può alleviare i sintomi delle emorroidi (applicandolo localmente). Vi lascio sotto le foto del prodotto nei miei due marchi preferiti, Le erbe di Janas (confezione comodissima da portare sempre in borsa) e Khadi

Spero abbiate trovato interessante questo articolo….a presto!

Annunci

Pubblicato da

Diario e recensioni di una vita un po' incasinata.

2 thoughts on “Olio di cocco usi e benefici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...